Swans – Miracle Of Love, Francesco Centamore

81UfnjmdaFL._SL1440_

Now my blood is feeling clean.
And I feel the power burning like a spear inside of me.
I feel good. I feel right.
I feel a sacrifice

Nel tempo in cui Rockerilla era l’unica rivista ad approdare nel paesello della provincia siracusana fondata dai Calcidesi intorno al 729 a.c, e più vicina a Catania che al noioso capoluogo aretuseo, le nuvole erano sedicenni di borotalco: troppo distanti per venire a distendersi su di me, che, forse, confessandomi nei pressi del viatico, all’Amore nemmeno pensavo. Lessi la recensione di White light su quella rivista e non sapevo nulla degli Swans, se non che quella copertina e quel titolo da Bardo Thodol, puntavano dritto al cuore, probabilmente lo stesso cuore sul quale poggia quel coniglio che nel capitolo successivo (love of life) incontra l’Altro ( troppo simile) e s’infiamma. Si infiammano. Ho il cuore di un coniglio, papà? Comprai il disco dopo qualche mese.
Is a miracle from above, tatuato sul petto.
Antri, larghi corridoi, giardini di rose e spine, principesse infinite, ascesi, catabasi, luna park e voci di zucchero filato, oltretomba iridiscente, l’odore del mese di maggio orchestrato dalle rondini in volo verso tetti antichi, il sapore del vuoto finale. Suona quasi rassicurante Miracle of love e nel finale pare esplodere di felicità, come una tempesta che cerca il suo proprio naufrago.
Certe tempeste le cerchi per tutta la vita e Miracle of love è la mia costante tempesta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...