Mecna – Aeroplani, Stefano Soriano

disco-inverno-mecna

Non sono mai riuscito a ben capire come una canzone del genere possa avermi salvato la vita. Era un periodo non facile, colmo di soli momenti bui e carico di delusioni, che si riuscivano ad accavallare tra loro in maniera quasi poetica. Era una spirale pericolosa ed uno dei punti più bassi emotivamente, perché un tracciato del genere ti porta a vedere tutto negativo, a non riconoscere una possibile via di uscita dal tunnel, anzi. Tra il fumo del tabacco e l’immancabile caffè post cena, la playlist di Youtube decide che era arrivato il momento di Mecna, quasi come un colpo di grazia. Parte Aeroplani, con quel sound particolare e le parole che sembrano lame. C’è qualcosa che mi blocca però, qualcosa che mi fa premere il repeat anziché chiudere la pagina nel momento in cui passano quei due minuti; quella rabbia che veniva fuori nei due minuti erano la mia carica per ripartire, per ricominciare, perché non torneremo mai a stare meglio, ma ci si rialza feriti e doloranti, consci che non si molla un cazzo, senza aver paura, come con gli Aeroplani

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...