Janis Joplin – Kozmic Blues, Alessandro Giovannelli

71XMtQVs5OL._SL1500_

Kozmic Blues la ascoltai subito dopo, sul treno notturno da Firenze a Pistoia. Quell’incontro alla stazione di Santa Maria Novella, una vita fa, ma solo una ventina di minuti prima di quella Kozmic Blues, rimane l’incontro più assurdo, enigmatico ed incomprensibile di tutta una vita. Un incontro che talvolta mi capita di raccontare “travestendolo” da storia inventata. Per non dover spiegare, prima di tutto a me stesso, come sia stato possibile. Di fatto fu allora che capovolsi la clessidra, anche se in quel momento non me ne resi conto fino in fondo. Compresi abbastanza però da realizzare che quell’episodio, l’insensatezza di ciò che avevo visto ed ascoltato, e tutto quanto era accaduto prima, quel giorno, non andavano dimenticati. Anzi, c’erano cose che dovevo riparare, rimediare, e – si sa – a volte non basta una vita per farlo. Di quella notte, di quell’incontro, mi resta la sensazione di aver vissuto alcuni minuti sospeso. Non so dove, né quando, anche se pareva Santa Maria Novella in una notte qualunque di un febbraio qualunque di molti anni fa.

E mi resta un numero di telefono che porto sempre con me. Un numero di telefono che non ho mai composto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...